ABCDEFGHIJKMNOPRSTVZ

COMMERCIO INTERNAZIONALE


Il commercio internazionale riguarda lo scambio di beni, merci e servizi tra paesi. Per merci, beni e servizi si intendono le forme di scambio registrate come transazioni a mezzo moneta.

L'Accordo generale sui dazi ed il commercio (General Agreement on Tariffs and Trade, GATT) venne istituito a Ginevra il 30 ottobre 1947 e conta attualmente novanta paesi con i quattro quinti del commercio mondiale. L'Organizzazione internazionale per il commercio (OIT), istituita nell'ambito della Conferenza per il commercio e l'occupazione delle NAZIONI UNITE nel 1947-'48 allo scopo di evitare abusi, soprusi e discriminazioni a danno di paesi nel commercio internazionale, entrò in funzione agli inizi degli anni '60.

Altri interventi regolatori del commercio internazionale sono: le associazioni di commercio preferenziale, con le quali due o più paesi concordano agevolazioni reciproche sul commercio internazionale di carattere generale o specifico; le AREE DI LIBERO SCAMBIO con le quali si concorda l'eliminazione dei dazi doganali ed ogni altra restrizione al commercio tra i paesi coinvolti, le ZONE FRANCHE che costituiscono aree ristrette di uno stato sottratte ai suoi vincoli doganali; l'unione doganale con la quale i paesi concordano l'apertura del commercio interno e restrizioni comuni verso i paesi terzi, il mercato comune che aggiunge alla libera circolazione delle merci tra i paesi aderenti anche quella dei capitali e della manodopera ed infine l'unione politica che prevede anche l'applicazione di politiche comuni.

L'OMC (Organizzazione Mondiale del Commercio - WTO World Trade Organzation), del tutto indipendente dalle Nazioni Unite, è l'organizzazione internazionale che ha il compito di attuare un insieme di regole commerciali, tra cui le principali sono il GATT, le misure commerciali relative alla proprietà intellettuale (TRIPS), l'Accordo commerciale sul commercio nei servizi (GATS). L'OMC è stata istituita nel 1995, nel quadro dei negoziati commerciali conosciuti come Uruguay Round. L'Uruguay Round ha allargato le regole del GATT, per coprire le cosiddette ¨barriere non tariffarie al commercio¨, come le leggi sulla sicurezza degli alimenti, gli standard di qualità dei prodotti, le politiche degli investimenti ed altre leggi nazionali che hanno un effetto sul commercio. Le regole OMC limitano le politiche non tariffarie che ogni paese può mettere in atto o mantenere. Tra le funzioni dell'OMC vi è quella di fornire un forum per lo svolgimento dei negoziati relativi alle relazioni commerciali multilaterali.