Perù - dati generali


Fonte dati ISTAT, Ateco 2007

Import 2017 € 1.085.549.474,00
Import 2016 € 871.847.338,00
Import 2015 € 1.043.734.036,00
Export 2017 € 1.303.600.172,00
Export 2016 € 1.079.852.786,00
Export 2015 € 1.305.006.442,00
Aggiornamento : 02/08/2018

Capitale: Lima
Città principali: Arequipa, Trujillo, Chiclayo 
Superficie (km²): 1.285.215
Popolazione: 38,302011 milioni; 38,202025 milioni
Reddito Nazionale, PPA*: 414,69 miliardi US$ (Banca Mondiale 2017)
Reddito Nazionale /pro-capite, PPA*: 12.890 US$ (Banca Mondiale 2017)
PIL: 211,39 miliardi US$ (Banca Mondiale 2017)
Settori economici: agricoltura (7% del PIL); industria (1/3 del PIL); settore terziario (56%)
Religioni: cattolica (93%), protestanti (5%).
Lingue ufficiali: Spagnolo
Moneta: Nuevo Sol (PEN)
Fuso orario: -6h rispetto all'Italia; -7h quando in Italia vige l'ora legale
 
* PPA – parità potere di acquisto 
 

 

Il Perù è membro del CAN (Comunità Andina), inoltre fa parte di ALADI (Associazione latino-americana di integrazione), UNASUR (Unione delle nazioni sud-americane) e OEA (Organizzazione degli Stati americani).
Ha negoziato numerosi accordi di libero scambio tra cui l'Alleanza del Pacifico (Perù, Cile, Messico e Colombia) entrato in vigore il 20 luglio 2015.
 
Il paese partecipa, inoltre, ai negoziati del progetto di partenariato transpacifico, che dovrebbe consentire al Perù di espandere ulteriormente il suo commercio verso nuove aree geografiche (Nuova Zelanda, Brunei, Australia, Vietnam, Malesia, Giappone, Stati Uniti, etc.). Infine, è membro dell'APEC (Asia-Pacific Economic Cooperation).
 
Il Perù è un membro del WTO dal 1° gennaio 1995. Inoltre, fa parte del gruppo dei paesi latino-americani che dialoga con l'Unione europea tramite vertici organizzati ogni due anni.
L’evoluzione delle relazioni politiche tra l’UE e i paesi latino-americani sono consultabili sul sito Relazioni esterne UE.
 
L'UE ha firmato un accordo di associazione nel 2012 con il Perù applicato provvisoriamente dal 2013. Quando sarà pienamente attuato, questo accordo aprirà i mercati di entrambe le parti e migliorerà la stabilità e la prevedibilità del commercio.
 
Lo stato dei negoziati / conclusioni FTA (libero scambio) tra l'UE e il Perù è disponibile sul sito web della Commissione europea - Commercio internazionale.
 
Al fine di preservare la salute, l'ambiente o l'identità nazionale, l'importazione di più beni è soggetta ad autorizzazione (in particolare per i prodotti di origine vegetale o animale).
Il Perù ha adottato una serie di misure di facilitazione degli scambi, che hanno ridotto i tempi di sdoganamento delle merci.
 
Grado di apertura del mercato
Il Perù ha semplificato le procedure doganali e amministrative istituendo un ingresso unico (VUCE - Ventanilla Única de Comercio Exterior) commerciale per facilitare gli scambi internazionali. Altre misure agevolano gli scambi, come la creazione dell'operatore economico autorizzato, lo sdoganamento anticipato, di urgenza o eccezionale, etc.
Le restrizioni all’import/export sono poche. Vengono applicate per motivi di salute e sicurezza, per proteggere l'ambiente e per onorare gli impegni inclusi negli accordi internazionali firmati dal Perù. In generale, i regolamenti tecnici e i requisiti sanitari sono basati su standard internazionali.
Per le zone libere consultare sul sito del SUNAT (Superintendencia Nacional de Administacion Tributaria).