Vietnam - dati generali

There are no translations available.


Fonte dati ISTAT, Ateco 2007

Import 2017 € 5.320.135.600,00
Import 2016 € 5.940.374.528,00
Import 2015 € 5.076.968.986,00
Export 2017 € 2.186.087.668,00
Export 2016 € 2.087.915.180,00
Export 2015 € 2.346.373.602,00
Aggiornamento: 06/06/2016
Capitale: Hanoi
Città principali: Ho Chi Minh City, Haiphong, Da Nang
Superficie: (km²): 332.378
Popolazione: 92,70 milioni (Banca Mondiale 2016)
Reddito Nazionale, PPA(*): 571,12 miliardi US$ (Banca Mondiale 2016)
Reddito Nazionale/pro-capite, PPA(*): 6.040 US$ (Banca Mondiale 2016)
PIL: 205,28 miliardi US$ (Banca Mondiale 2016)
Settori economici: agricoltura; energia; industria (tessile, alimentare, mobili, materie plastiche, industria automobilistica); Servizi (turismo, telecomunicazioni)
Religioni: Buddista 85%, Cristiana 8%.
Lingue ufficiali: Vietnamita
Moneta: Dong (VND)
Fuso orario: 7 ore avanti rispetto all'orario del Meridiano di Greenwich; 6 ore avanti rispetto all'Italia
(*)PPA – parità potere di acquisto
 

 

Il Vietnam è un membro dell'APEC (Asia-Pacific Economic Cooperation) e fa parte dell’Associazione delle Nazioni del Sudest asiatico (ASEAN).
Il paese ha inoltre costituito l’AFTA (ASEAN Free Trade Area), che prevede un trattamento preferenziale ai paesi partner dell’ASEAN.
 
Dal 31 dicembre 2015 fa parte della Comunità Economica dell’ASEAN (AEC), che mira a rendere la regione un vero mercato comune.
 
Ha partecipato ai negoziati per il Trans-Pacific Partnership (TPP), firmato il 4 febbraio 2016, con Australia, Brunei Darussalam, Canada, Cile, Stati Uniti, Giappone, Messico, Malesia, Nuova Zelanda, Perù e Singapore.
 
Ha firmato accordi con diversi paesi come il Giappone e il Cile e ultimamente la Corea del Sud. Ha inoltre negoziato accordi con altri paesi tramite l'ASEAN, incluso il Global Regional Economic Partnership (RCEP).
 
Il Vietnam è membro del WTO dall'11 gennaio 2007.

Nelle sue relazioni con l'UE, il Vietnam fa parte dell'ASEM (incontro Asia-Europa) e beneficia dei programmi di cooperazione avviati dall'UE a beneficio dell'ASEAN e di altri paesi asiatici.

Mentre i negoziati per un accordo di libero scambio tra l'UE e l'ASEAN sono sospesi, l'UE ha deciso di aprire negoziati con diversi paesi di questa organizzazione, compreso il Vietnam. I negoziati per un accordo di libero scambio UE-Vietnam sono stati completati nel 2015 e con la pubblicazione sulla Gazzetta ufficiale dell'UE del 30 giugno 2020, la data di entrata in vigore dell'accordo è stata fissata al 1 agosto 2020

(https://eur-lex.europa.eu/legal-content/IT/TXT/PDF/?uri=CELEX:22020X0630(01)&from=EN).

    
 
Grado di apertura del mercato
Le procedure doganali elettroniche sono state avviate all'inizio di gennaio 2013. Il Vietnam spera che entro il 2020 tutti gli uffici doganali utilizzeranno lo sdoganamento elettronico. Di conseguenza, l'impatto delle ispezioni sulle merci fisiche dovrebbe scendere dal 15-20% (livello attuale) a meno del 7% entro il 2020. Dal 2011 esiste un programma per gli operatori economici autorizzati. Oggi con l'accordo di libero scambio è prevista la soppressione quasi totale (99%), nell'arco temporale di 10 anni, dei dazi doganali tra le parti contraenti anche sui principali prodotti europei di esportazione verso il Vietnam: macchinari, automobili e prodotti chimici.