Tanzania - dati generali


Fonte dati ISTAT, Ateco 2007

Import 2014 € 54.376.318,00
Import 2013 € 95.137.466,00
Import 2012 € 60.946.070,00
Export 2014 € 184.978.348,00
Export 2013 € 157.213.682,00
Export 2012 € 131.491.414,00
Codice Paese: (352), TZ (1)
Capitale: Dodoma
Città principali: Dar er Salaam; Zanzibar 
Superficie (km²):883.749
Popolazione: 44,8 milioni (2010)
PIL: 23,3 miliardi dollari
PIL/pro-capite: $ 553,2
Settori economici:
Religioni: Cristiana 30%; Musulmani 35%; 35% religioni locali
Lingue ufficiali: Inglese, Swahili
Moneta: Scellino della Tanzania (TZS)
Fuso orario: 3 ore avanti rispetto all'orario del Meridiano di Greenwich; 2 ore avanti rispetto all'Italia

 

L’Unione doganale dell’East African Community (EAC) comprende Kenya, Tanzania e Uganda. Nell’ambito di questa unione è stata stabilita una tariffa esterna comune (CET) nei confronti di tutte le merci importate in Tanzania, Kenya e Uganda da paesi stranieri. Inoltre, i dazi doganali e gli altri oneri di effetto equivalente sulle importazioni provenienti dagli altri Stati membri sono eliminati così come sono state rimosse le barriere non tariffarie al commercio. Sebbene il Burundi e il Ruanda siano membri dell’EAC, non hanno ancora aderito alle disposizioni in materia doganale e commerciale.
 
La Tanzania è anche membro della Southern African Development Community (SADC), insieme con Angola, Botswana, Repubblica Democratica del Congo, Lesotho, Madagascar, Malawi, Mauritius, Mozambico, Namibia, Seychelles, Sud Africa, Swaziland, Zambia e Zimbabwe.
 
Un accordo di partenariato economico interinale (EPA) è stato siglato tra l'EAC e l’Unione europea il 23 novembre 2007. La fase economica dell'accordo, che è entrato in vigore il 1° gennaio 2008, si chiama Market Access Regulation (MAR) e anticipa la piena applicazione dell’accordo dopo la sua ratifica. Il MAR concede un trattamento preferenziale unilaterale per le merci originarie della Tanzania esportate nell'UE sia in termini di dazi che di quote. Alcuni elementi del MAR saranno sostituiti dall'accordo, come e quando questo verrà applicato o entrerà in vigore a titolo provvisorio. Nel corso delle prime fasi dell’accordo, le tariffe all'importazione di merci di origine comunitaria esportate in Tanzania dovrebbero essere progressivamente abbassate. Questo trattato è destinato a sostituire l'accordo di Cotonou tra l’Unione europea e gli Stati dell'Africa, Caraibi e del Pacifico (ACP), che prevede un trattamento preferenziale per i prodotti originari dei soli paesi ACP.
 
La Tanzania è membro del WTO dal 1° gennaio 1995 e dell’African Union (AU).