Myanmar ex Birmania - dati generali


Fonte dati ISTAT, Ateco 2007

Import 2017 € 112.480.586,00
Import 2016 € 189.915.752,00
Import 2015 € 255.105.466,00
Export 2017 € 140.539.706,00
Export 2016 € 184.536.980,00
Export 2015 € 178.206.380,00
Aggiornamento: 2/02/2017 
Capitale: Naypyidaw
Superficie (km2): 676.577
Popolazione: 48,3 milioni (2011); 53,2 milioni (2025)
PIL: 51,9 miliardi
PIL/procapite: 831,9 $
Settori economici: agricoltura; idrocarburi (gas, petrolio); costruzioni; turismo; industria agroalimentare; estrazione mineraria; confezioni
Religioni: buddismo (89%)
Lingue ufficiali: birmano.
Moneta: Kyat (K)
Fuso orario: +5,30h rispetto all'Italia, +4,30h quando in Italia vige l'ora legale.
 
Il Myanmar fa parte dell'ASEAN (Association of Southeast Asian Nations) organizzazione che mira al miglioramento della crescita economica dei suoi membri, per mezzo di una maggiore integrazione economica attraverso la realizzazione di una zona di libero scambio AFTA (ASEAN Free Trade Area) che dovrebbe permettere la libera circolazione di beni, servizi, capitali etc. attraverso l’eliminazione delle barriere tariffarie e non tariffarie.
 
Il Myanmar ha siglato un gran numero di accordi commerciali attraverso l'ASEAN, tra cui Cina, Corea del Sud, Tailandia, India, ecc. Partecipa all'istituzione del Regional Comprehensive Economic Partnership (RCEP), che propone di riunire in un FTA i dieci Stati membri dell'ASEAN e i sei paesi che hanno già firmato degli accordi di libero scambio con il blocco regionale. Fa anche parte della negoziazione per il BIMSTEC (Bay of Bengal Initiative for Multi-Sectoral Technical and Economic Cooperation).
   
In risposta al processo di riforma del Myanmar, l'UE ha deciso di abolire tutte le sanzioni nei confronti del Myanmar, con l'eccezione dell'embargo sulle armi e il materiale per la repressione interna che è prorogato fino al 30 aprile 2017.
 
Nelle sue relazioni con l'UE, IL Myanmar fa parte dell'ASEM (Asia Europe Meeting), un processo informale di dialogo tra gli Stati membri, la Commissione europea e i paesi asiatici.

In attesa della negoziazione di un accordo di libero scambio tra l'UE e l'ASEAN, l'UE prosegue i negoziati per questo tipo di accordo con ciascun membro di questa associazione. Con IL Myanmar, l'Unione europea ha avviato negoziati per l'istituzione di un accordo di protezione degli investimenti
 
Lo stato dei negoziati tra l'UE e il Myanmar è disponibile sul sito web della Commissione europea – DG commercio.
 
L'evoluzione delle relazioni politiche tra l'UE e il Myanmar è disponibile sul sito web Azione esterna dell’UE.
 
Attualmente il Myanmar beneficia del programma "Tutto tranne le armi" dell'UE, che consente ai suoi prodotti di entrare nel mercato europeo senza dazi o contingentamenti.
 
Grado di apertura del mercato
Tutte le importazioni devono essere segnalate su un modulo di dichiarazione di importazione (CUSDEC-1) e, se del caso, accompagnate da una licenza di importazione, rilasciato dal Dipartimento del commercio e dei consumatori, che riferisce al Ministero del commercio. In termini di importazione, vi sono i divieti elencati sul sito doganale e in particolare le restrizioni sotto forma di approvazioni. 
Secondo le autorità, le norme e i regolamenti tecnici adottati in Myanmar si basano su norme internazionali e regolamenti tecnici. Sono necessari permessi di ispezione per importare animali vivi, prodotti di origine animale, alimenti per animali e medicinali veterinari. 
Per ulteriori informazioni: http://www.mof.gov.mm/en