SUDAN


Risultati immagini per animated flag sudan

 

 


 



Fonte dati ISTAT, Ateco 2007

Import 2017 € 31.701.330,00
Import 2016 € 32.224.212,00
Import 2015 € 47.399.006,00
Export 2017 € 248.804.302,00
Export 2016 € 259.336.588,00
Export 2015 € 276.489.478,00

Aggiornamento: 13/07/2017

Capitale: Khartoum
Città principali: Port Sudan, Kassala, Omdurman, El Obeid, Wad Medani, Gedaref, Juba
Superficie (km²): 1.879,4
Popolazione: 39,58 milioni (Banca Mondiale 2016)
Reddito Nazionale, PPA(*):169,63 miliardi US$ (Banca Mondiale 2016)
Reddito Nazionale/pro-capite, PPA(*):4.290 US$ (Banca Mondiale 2016)
PIL: 95,58 miliardi US$ (Banca Mondiale 2016)
Settori economici: agricoltura (27,4%); industria (33,6%); servizi (39%)
Religioni: mussulmani sunniti (70%), cristiana (5%), credenze tradizionali (25%)
Lingue ufficiali: arabo
Moneta: Dinaro sudanese (DS)
Fuso orario: +1h quando in Italia vige l’ora legale; +2h rispetto all’Italia durante l’ora solare.
(*) PPA – parità potere di acquisto

 

Il Sudan è membro di COMESA (Mercato Comune per l'Africa orientale e australe).

Non è membro del WTO ma ha lo status di osservatore.
Il Sudan fa anche parte dei paesi ACP (Africa, Caraibi e Pacifico) collegati all'Unione europea da un accordo di partenariato firmato a Cotonou il 23 giugno 2000 ed è entrato in vigore nel 2003. Questo accordo prevede l'attuazione di Accordi di partenariato economico (APE) che l'Unione europea continua a negoziare con sette regioni in Africa, nei Caraibi e nel Pacifico.
Il Sudan fa parte del gruppo dei paesi dell'Africa orientale e australe (ESA e ESA).

Lo stato dei negoziati / conclusioni APE tra l'UE e l'Africa orientale e australe è disponibile sul sito web della Commissione Europea - DG-Commercio.
Il Sudan è uno dei paesi meno sviluppati. In quanto tale, beneficia del programma "Tutto tranne le armi" dell'UE, che consente ai prodotti sudanesi di entrare nell'Unione senza dazi doganali o quote.
L'evoluzione delle relazioni politiche tra l'UE e il Sudan è disponibile sul sito web Azione esterna dell’UE.
 
Esiste, attualmente: un embargo su armi, munizioni e equipaggiamento militare; il divieto di qualsiasi assistenza tecnica e assistenza finanziaria in relazione ad attività militari; un blocco dei fondi per coloro che ostacolano il processo di pace.
Le tariffe doganali sono relativamente alte in Sudan.
 
Sud Sudan
Il Sud Sudan (o Sud Sudan) ha dichiarato l'indipendenza il 9 luglio 2011. Il Sudan l'ha immediatamente riconosciuto e ha stabilito relazioni diplomatiche con esso. Un governo è a posto. I diversi ministeri sono elencati sul portale del governo.
L'aeroporto di Juba è la porta principale del paese. È anche possibile attraversare l'Etiopia, il Kenya, l'Uganda e la Repubblica Democratica del Congo.
L'Unione europea ha riconosciuto il Sud Sudan nel dicembre 2011 e vi ha stabilito una delegazione. L'UE ha fatto ricorso a una procedura semplificata per consentire al Sud Sudan di aderire all'accordo di Cotonou e beneficiare del decimo Fondo europeo di sviluppo. Il Sud Sudan è uno dei paesi ACP. Beneficia anche del programma "Tutto tranne armi", che consente ai prodotti del Sud Sudan di entrare nel mercato europeo senza dazi o contingenti.
L'embargo applicato in Sudan si applica anche al Sud Sudan.
I documenti richiesti sono gli stessi del Sudan. Sono legalizzati allo stesso modo del Sudan.


 

 

DOCUMENTI DI SPEDIZIONE

Oltre alla dichiarazione in dogana (DAU in versione dematerializzata) usualmente richiesta (salvo all'interno dell'Unione europea), le spedizioni con destinazione Sudan devono essere accompagnate dai documenti di seguito riportati. 
Per ulteriori informazioni consultare il sito Agenzia delle Dogane e dei Monopoli: https://www.agenziadoganemonopoli.gov.it/portale/
 
a) Fattura commerciale
Redatta in nove copie, deve contenere le menzioni abituali in inglese.

b) REX (Registered Exporter System): dichiarazione di origine
Sebbene il Sudan non conceda ancora un trattamento preferenziale ai prodotti originari dell'Unione europea, la dogana può richiedere la documentazione che giustifichi l'origine delle merci.
Dal 21 gennaio 2020, il Sudan ha adottato il sistema REX (nell'ambito del sistema di preferenze generalizzate SPG) e di conseguenza all'atto dell'importazione può essere richiesta una dichiarazione di origine, in particolare quando si tratta di prodotti "incorporati in un prodotto locale e successivamente riesportati verso l'Unione europea".
Tale dichiarazione deve essere riportata su una fattura, una bolla di consegna o qualsiasi altro documento commerciale che descriva i beni in maniera sufficientemente dettagliata da consentirne l'identificazione. Può essere presentata da qualsiasi esportatore per spedizioni  di valore inferiore a 6.000 euro e esclusivamente da un esportatore autorizzato per spedizioni di valore superiore a 6.000 euro.
Generalmente la dichiarazione resa è così formulata:
"L'esportatore dei prodotti contemplati nel presente documento (autorizzazione doganale n ...) dichiara che, salvo indicazione contraria, si tratta di prodotti di origine preferenziale ....... ... ". "..............".
[Luogo e data] ".................". [Firma dell'esportatore e indicazione del nome della persona che firma].

Da sapere:   Anche il Sud Sudan (indipendente dal 9 luglio 2011) dovrebbe applicare il sistema REX dal 31 dicembre 2017. In realtà, ad oggi, il sistema REX non è ancora applicato in maniera effettiva in questo territorio e quindi, in linea di principio, non si può beneficiare di questa agevolazione. E' consigliabile verificare con l'importatore e/o le Autorità locali.

c) Certificato di origine
Su richiesta dell'importatore, è redatto sul formulario comunitario. Le regole relative al certificato di origine sono illustrate nell’Allegato XI.

d) Certificato fitosanitario (1)
Per la frutta, i legumi le sementi e altri vegetali.

e) Certificato sanitario (2)
Necessario per le carni e sottoprodotti di origine animale (latte, uova, preparazione di carni, ecc.)

f) Certificato di libera vendita prodotti farmaceutici
Riguarda i medicinali e i dispositivi medici. Conferma che i prodotti oggetto dell’esportazione sono liberamente venduti in Italia e/o nell'UE.
 
g) Certificato di libera vendita prodotti cosmetici (3)
Il documento garantisce che i prodotti sono conformi alla regolamentazione sui prodotti cosmetici e pertanto in libera vendita in Italia così come in tutti i paesi dell’Unione europea.

Da notare: I documenti rilasciati da un'amministrazione e direttamente collegati ad un'operazione commerciale o doganale (fattura, certificato sanitario, ecc.) devono essere legalizzati in anticipo.

ISPEZIONE DELLE MERCI

Le merci destinate al Sudan sono soggette a un controllo standard su tutti i prodotti ad eccezione delle attrezzature militari e dei prodotti farmaceutici.
Questo controllo è effettuato da una società incaricata dalle autorità sudanesi. (4)

Da sapere: a partire dal 1° maggio 2021, il Sud Sudan ha implementato un nuovo programma di conformità. Le spedizioni di specifici prodotti (es. giocattoli, apparecchiature elettriche ed elettroniche o determinati prodotti alimentari) verso questo territorio devono quindi essere sottoposte, prima dell'imbarco, ad una verifica della conformità dei prodotti. L'elenco dei prodotti interessati è disponibile qui.
 
TRASPORTO, IMBALLAGGIO, ETICHETTATURA
 
a) Documento di trasporto
I principali documenti di trasporto sono: la polizza di carico, la lettera di vettura aerea Air Waybill (AWB), la lettera di vettura internazionale CMR (Convention des Merchandises par Route).

b) Lista dei colli
Questa lista riassume tutte le merci esportate e ne precisa il volume, il numero dei colli, le casse, i contenitori e la quantità esatta delle merci.
 
c) Assicurazione trasporto
Non esiste alcun obbligo di assicurazione locale, vale a dire l'obbligo di garantire il trasporto internazionale di merci in Sudafrica.

d) Distinta di carico
Non richiesta.

e) Trattamento imballaggi in legno
Sebbene attualmente la legislazione del paese non esiga il trattamento secondo la normativa ISPM-15 FAO, è raccomandato il trattamento degli imballaggi secondo la normativa internazionale. Si consiglia, tuttavia, prima della spedizione contattare il servizio fitosanitario regionale.
 
e) Etichettatura
L'etichettatura deve essere eseguita in inglese e/o arabo. Esistono requisiti di etichettatura che variano in base al prodotto.
 
SPEDIZIONE TEMPORANEA

Carnet ATA
Il Paese NON aderisce alla convenzione ATA. È possibile esportare tramite un agente secondo le procedure del diritto comune.
In ogni caso si suggerisce di consultare la propria camera di commercio.
 
PASSAPORTO E VISTI
 
Passaporto: necessario, con validità residua di almeno sei mesi alla data di partenza per il Paese. Per le eventuali modifiche a tale norma, si consiglia di informarsi preventivamente presso l’Ambasciata o il Consolato del Paese presente in Italia o presso il proprio Agente di viaggio.
 
Visto d’ingresso: necessario, da richiedersi presso l’Ambasciata del Sudan a Roma. La durata del visto turistico può essere prolungata, in loco a pagamento, fino ad un massimo di tre mesi. Per quanti si recassero in Sudan per lavoro, anche temporaneamente, occorre chiedere un visto di ingresso per motivi di lavoro, che potra’ essere prolungato in loco a pagamento fino a un massimo di un anno.
Lo straniero, (titolare di passaporto ordinario) è tenuto a dichiarare la sua presenza all’Autorità competente (Alien Registration Office) entro tre giorni dal suo ingresso nel Paese.
I giornalisti e i cineoperatori devono, prima di partire, munirsi presso l’Ambasciata sudanese della prevista autorizzazione da parte del “Ministry of Information and Communications – External Department” e dare comunicazione del programma che intendono seguire una volta arrivati nel Paese.
Sono inoltre necessari permessi di viaggio, da richiedere alle Autorità locali, per uscire dal territorio dello Stato di Khartoum. Poiché tali disposizioni possono essere soggette a cambiamenti, anche senza preavviso, si consiglia di prendere contatto con l’Ambasciata d’Italia a Khartoum per un quadro aggiornato in materia.

 


Ambasciata d’Italia a Khartoum: www.ambkhartoum.esteri.it/
Ambasciata del Sudan: www.sudanembassy.it/it/home.htm
Presidenza: http://www.presidency.gov.sd/
Central Bureau of Statistics: http://www.cbs.gov.sd/

 

 

 

(1) I Certificati fitosanitari di esportazione, sono rilasciati dal servizio fitosanitario delle Regioni di appartenenza.
L'organo competente è il Servizio Fitosanitario Nazionale, costituito dal Servizio Fitosanitario Centrale presso il Ministero Agricoltura e dai Servizi Fitosanitari Regionali (SFR) presso le Regioni.
Il Servizio Fitosanitario Centrale ha compiti di coordinamento, mentre ad operare sul territorio sono i SFR.
Il personale abilitato all'attuazione della normativa fitosanitaria possiede la qualifica di 'Ispettore Fitosanitario' ed è munito di apposita tessera di riconoscimento.
 
(2) I certificati sanitari per i prodotti animali vari (ittici, molluschi ecc.) e derivati animali come latticini formaggi ecc. I certificati vengono rilasciati dal servizio veterinario delle ASL di appartenenza.
Per ulteriori informazioni consultare il sito Ministero della salute.
 
(3) Per i prodotti cosmetici può essere richiesto sia il certificato di libera vendita, sia l'attestato di libera vendita.
Per il Rilascio Certificati di Libera Vendita (CLV) per esportazione di prodotti Cosmetici in Paesi al di fuori dell'Unione europea (extra UE), vedi sito del Ministero della salute.
 
(4) La società autorizzata è: Cotecna