CANADA

 

Risultati immagini per animated flag canada

Canada - Localizzazione


Fonte dati ISTAT, Ateco 2007

Import 2017 € 2.919.648.586,00
Import 2016 € 2.960.047.496,00
Import 2015 € 3.097.602.950,00
Export 2017 € 7.358.773.642,00
Export 2016 € 7.393.834.786,00
Export 2015 € 7.872.026.050,00
 

Aggiornamento: 1/10/2018

Capitale: Ottawa
Città principali: Toronto, Montreal, Vancouver
Superficie (km²): 9.976.137
Popolazione: 35,85 milioni (2015) 38.600.000 (2025)
PIL: 1.551 miliardi $
PIL/pro-capite: 43.248,5 $
Settori economici: servizi (telecomunicazioni, turismo, internet, aeronautica); pesca; produzione di minerali (nichel, zinco, alluminio); riserve di petrolio e gas naturale.
Religione: cattolici 43,2%, protestanti 29,2
Lingue ufficiali: francese, inglese
Moneta: dollaro canadese, CAD
Fuso orario: Schema dei diversi fusi orari rispetto all`orario del Meridiano di Greenwich secondo le aree: Pacifico: -8 ore, Montagne: -7 ore, Atlantico: -4 ore, New Found Land: -3
 
  

 

Il 1° ottobre 2018 Stati Uniti, Canada e Messico hanno raggiunto un accordo di libero scambio per il Nord America denominato Accordo Stati Uniti-Messico-Canada (Usmca), che sostituisce il trattato Nafta (North American Free Trade Agreement), che dal 1994 aveva aperto la strada a molti altri accordi multilaterali, fino al Wto e all'ingresso della Cina. 

Il 6 maggio 2009, l’UE e il Canada hanno lanciato ufficialmente le negoziazioni per un ampio accordo di libero scambio. L'accordo è stato firmato il 18 ottobre 2013. Esso riguarda gli scambi di beni e servizi, gli investimenti, gli appalti pubblici, le agevolazioni commerciali, le procedure doganali e le norme di origine, la cooperazione normativa, la proprietà intellettuale e la circolazione della mano d’opera.L’accordo, denominato Comprehensive Economic and Trade Agreement (CETA) è entrato in vigore dal 21 settembre 2017

I dettagli sull’accordo CETA sono disponibili sul sito dell’ Unione Europea.

La politica di importazione del Canada è liberale, alcuni prodotti sono comunque controllati o vietati. Consultare il sito web dell'Agenzia dei servizi frontalieri del Canada (ASFC).

Un sistema di licenze controlla anche prodotti agricoli, tessili, acciaio, prodotti alimentari, ecc.

 


 

DOCUMENTI DI SPEDIZIONE
 
Oltre alla dichiarazione in dogana (DAU o suo equivalente) usualmente richiesta per le spedizioni, (salvo all'interno dell'Unione europea) le spedizioni a destinazione del Canada devono essere accompagnate dai documenti di seguito citati.
Per ulteriori informazioni consultare il sito Agenzia delle Dogane e dei Monopoli:
https://www.agenziadoganemonopoli.gov.it/portale/

a) Fattura commerciale o doganale
Stabilita, almeno, in quattro esemplari, è redatta in una delle lingue ufficiali. La scelta tra i due documenti è in funzione dell’ammontare della spedizione.

Spedizioni di valore pari o superiore a 2.500 CAD
All’entrata in Canada, le autorità esigono, per tutte le spedizioni di almeno 2 500 CAD, la presentazione dei seguenti documenti:
Spedizioni di valore inferiore a 2.500 CAD
Queste spedizioni possono essere sdoganate su semplice presentazione della fattura commerciale che riporti i riferimenti usuali necessari alla redazione della dichiarazione in dogana. Si raccomanda comunque di far comparire:
Le dogane canadesi esigono, in effetti, il codice a dieci cifre.
Spetta all’importatore o al suo agente, stabilire il codice aggiungendo al codice europeo a sei cifre, le ultime quattro cifre doganali.
http://www.asfc.gc.ca/trade-commerce/tariff-tarif/menu-fra.html
 
b) Certificato di origine
Per consentire ai prodotti dell'Unione europea di trarre beneficio dal regime preferenziale negoziato con il Canada, deve essere redatta una dichiarazione di origine che servirà come prova dell'origine. Questa deve essere su una fattura, una bolla di consegna o qualsiasi altro documento commerciale che descrive i prodotti in questione in modo sufficientemente dettagliato per poterli identificare.

Per le spedizioni oltre 6000 euro l'esportatore deve avere lo status di esportatore registrato e quindi avere un numero REX da indicare nella dichi

Per registrarsi al REX ai fini dell'accordo CETA, è necessario presentare un' apposita istanza agli uffici territoriali dell’Agenzia delle Dogane (Allegato 2 - Mod Rex-Fta), fornendo le proprie generalità.

L'ufficio doganale, dopo un controllo formale della correttezza delle informazioni fornite, procederà ad iscrivere l'esportatore al REX e gli comunicherà il numero assegnato, la data di registrazione e la data di validità della registrazione.

Il numero di registrazione dovrà poi essere inserito nella dichiarazione di origine preferenziale.

c) Certificato fitosanitario (1)
Per la frutta, la verdura, le sementi e altri vegetali.

d) Certificato sanitario (2)
Per la carne e sottoprodotti di origine animale (latte, uova, preparazione di carni, ecc.).
 
e) Certificati speciali
Diversi prodotti (lattiero-caseari, frutta e verdura trasformata, semi, mangimi, fertilizzanti, cosmetici, ecc.) possono necessitare di documenti specifici. Fare riferimento al sito web dell'Agenzia canadese per l'ispezione alimentare (ACIA).

f) Certificato o attestato di libera vendita dei cosmetici
Non richiesto

Da sapere: I documenti rilasciati da un'amministrazione e direttamente collegati ad un'operazione commerciale o doganale (certificato sanitario, ad esempio) devono essere legalizzati in anticipo.

TRASPORTO, IMBALLAGGIO, ETICHETTATURA
 
a) Documenti di trasporto
I principali documenti di trasporto sono: la polizza di carico, la lettera di vettura aerea Air Waybill (AWB), la lettera di vettura internazionale CMR (Convention des Merchandises par Route).

b) Lista dei colli
Questa lista riassume tutte le merci esportate e ne precisa il volume, il numero dei colli, le casse, i contenitori e la quantità esatta delle merci.
 
c) Assicurazione trasporto
Non richiesta

d) Trattamento degli imballaggi in legno
Dal mese di settembre 2005, gli imballaggi in legno destinati al Canada devono essere trattati (fumigati) secondo la normativa NIMP-15 FAO. Per ulteriori informazioni consultare il sito: https://www.ippc.int/en/countries/canada/

e) Etichettatura
Il Canada ha un sistema di norme e standard tecnici (Conseil canadien des normes). In termini di etichettatura e marcatura, esistono determinati requisiti in particolare per i prodotti alimentari e cosmetici, farmaceutici, tessili, fertilizzanti, ecc. In generale, l'etichettatura dei prodotti deve essere eseguita in inglese e in francese. Inoltre, il made in effettuato è obbligatorio per diversi tipi di prodotti.

SPEDIZIONE TEMPORANEA
 
Carnet ATA
La spedizione temporanea in Canada tramite il Carnet ATA è possibile per i prodotti ammessi a beneficiare di tale procedura, ossia:

Per maggiori informazioni sul documento doganale Carnet ATA consultare le pagina web di questo sito.

Per i dettagli sull'utilizzo in Canada consultare la scheda informativa al link seguente >>>


PASSAPORTO E VISTI
 
Passaporto: è richiesto il passaporto con validità pari almeno alla durata del soggiorno. Si suggerisce tuttavia che il passaporto abbia validità di almeno sei mesi della data di ingresso nel Paese.
Si consiglia comunque di contattare, prima di intraprendere il viaggio, gli Uffici diplomatici e Consolari del Canada in Italia e all’estero per acquisire informazioni aggiornate riguardo a possibili modifiche di tali termini.

“electronic Travel Authorization “ (eTA)
Dal 15 marzo 2016 gli stranieri esenti da visto, tra cui i cittadini italiani, diretti in Canada per via aerea dovranno munirsi prima dell’imbarco dell’”electronic Travel Authorization” (eTA), similmente a quanto avviene per l’ingresso negli Stati Uniti con l’ESTA.
La richiesta dell’eTA dovrà essere effettuata online. A tale fine saranno necessari un passaporto valido, una carta di credito e un indirizzo di posta elettronica.
L'eTA sarà collegata elettronicamente al passaporto del richiedente e sarà valida per cinque anni o fino alla scadenza del passaporto, se questa interviene prima.
Il relativo costo è di 7 dollari canadesi.
Le richieste potranno essere trasmesse da qualsiasi dispositivo connesso ad Internet, inclusi i cellulari e la risposta perverrà di regola dopo pochi minuti, salvo i casi in cui le competenti Autorità canadesi ritengano necessari ulteriori accertamenti.
Si attira l’attenzione sulla diffusione di siti internet non ufficiali ed il connesso rischio di truffe, si raccomanda pertanto di consultare la pagina web http://www.cic.gc.ca/english/visit/eta-facts-it.asp per maggiori informazioni, in lingua italiana, sulle corrette procedure da seguire.
L’autorizzazione ”eTA” non garantisce, tuttavia, l’automatica ammissione in territorio canadese, che è lasciata alla discrezionalità delle competenti Autorità doganali e di frontiera.

Il soggiorno in Canada sulla base dell’”eTA“ non consente invece di:
Nei casi diversi dal breve soggiorno fino a sei mesi per motivi di turismo o di affari è necessario richiedere apposito visto d’ingresso presso l’Ambasciata del Canada a Roma.
Per  informazioni sul visto d’ingresso in Canada si prega di consultare la seguente pagina Web http://www.cic.gc.ca/english/visit/index.asp

Per informazioni dal sito dell’Ambasciata del Canada a Roma si prega di consultare la seguente pagina Web:
http://www.canadainternational.gc.ca/italy-italie/visa.aspx?lang=eng
L’indirizzo e-mail dalle Autorità canadesi per richiedere chiarimenti in materia di “eTA” è il seguente:CIC-eTA-AVE@cic.gc.ca

A decorrere dal 10 novembre 2016 i cittadini italiani in possesso anche della cittadinanza canadese dovranno munirsi del passaporto canadese per potersi imbarcare dall’estero sui voli diretti in Canada.

Visto d’ingresso: Per un soggiorno breve fino a sei mesi, esclusivamente per motivi di turismo o di affari, non vi è obbligo di visto ed è sufficiente esibire un passaporto valido per tutta la durata del soggiorno previsto. L’Ufficiale di polizia di frontiera può tuttavia discrezionalmente limitare la durata del soggiorno al periodo previsto per lo scopo del viaggio. Per lavorare o studiare in Canada è necessaria la previa concessione di un permesso di lavoro o di studio da parte delle competenti autorità canadesi.
L’ingresso può essere in particolare rifiutato quando la polizia di frontiera ritenga che il motivo effettivo del viaggio non corrisponda a quello dichiarato. Nel quadro dei controlli all’arrivo, gli agenti del Canada Border Service Agency (CBSA) possono  richiedere  ai viaggiatori di rivelare le password di accesso a laptop o smartphone al fine di raccogliere ulteriori elementi per verificare la corrispondenza tra il motivo dichiarato del viaggio e quello effettivo. E’ possibile rifiutare l’accesso ai propri dispositivi personali, ma ciò può contribuire al diniego dell’ingresso nel Paese.
Allo stesso modo, durante un soggiorno per motivi di turismo in Canada è tassativamente vietato: esercitare qualsiasi attività professionale (anche di baby sitter, cuoco, cameriere, commesso; ecc.); effettuare tirocini, retribuiti o non; seguire degli studi per un periodo di sei mesi.
Per ciascuna delle suddette attività occorre infatti essere muniti dei relativi visti di ingresso da richiedere presso l'Ambasciata del Canada a Roma.
Gli agenti della CBSA sono infatti molto rigorosi su questo punto e negano l'ingresso in Canada ai viaggiatori stranieri sprovvisti di apposito visto in caso di fondati dubbi sui motivi del loro soggiorno in Canada (per esempio in caso di mancanza di biglietto di ritorno o di insufficienza di risorse finanziarie), disponendone l'arresto e/o il rimpatrio immediato. La decisione dei funzionari di frontiera canadesi di negare, per qualsiasi motivo, l’ingresso di uno straniero sul territorio nazionale, si basa sul principio “who hears decides”, salvo il ricorso al superiore gerarchico del funzionario di frontiera che decide sull’ingresso. Qualora le autorità di frontiera lo ritengano opportuno, possono disporre che lo straniero cui è stato negata l’autorizzazione all’ingresso nel Paese trascorra in appositi “centri di detenzione” presso l’aeroporto il tempo di attesa per il primo volo disponibile per il rimpatrio.
Considerato il margine di discrezionalità lasciato ai funzionari di frontiera canadesi, si suggerisce, prima della partenza, un’attenta consultazione della seguente pagina del sito internet della CBSA www.cbsa-asfc.gc.ca/travel-voyage/ivc-rnc-eng.html.



AMBASCIATE E CONSOLATI IN ITALIA
 
Ambasciata del Canada a Roma
Via Zara 30, 00198 Roma (mappa)
(Sezione Visti e Sezione dei servizi consolari ai cittadini canadesi)
Via Salaria, 243, 00199 Roma (mappa)
(Sezioni politica, academica, culturale e commerciale)
http://www.canadainternational.gc.ca/italy-italie/index.aspx?lang=ita
Tel.: (+39 06) 85444.3937
email: romevisa@international.gc.ca
 
AMBASCIATE E CONSOLATI IN CANADA
 
Ambasciata d'Italia a Ottawa
275 Slater Street, 21st Floor - Ottawa, Ontario K1P 5H9 CANADA (mappa)
Tel. +1.613.232.2401; Fax +1.613.233.1484
e-mail: ambasciata.ottawa@esteri.it
http://www.ambottawa.esteri.it/Ambasciata_Ottawa
 
Consolato Generale a Montréal
3489 Drummond Street - MONTRÉAL, Québec H3G 1X6
Tel. +1 514 849-8351/2/3/4; Fax +1 514 499-9471
email: consolato.montreal@esteri.it
www.consmontreal.esteri.it
 
Consolato Generale a Toronto
136 Beverley Street - TORONTO, Ontario M5T 1Y5
Tel. +1 416 977 1566; Fax +1 416 977 1119
email: console.toronto@esteri.it
www.constoronto.esteri.it
Circoscrizione: le province dell’Ontario (a eccezione della parte ricadente nella circoscrizione dell'Ambasciata di Ottawa), del Manitoba e i Territori del Nord-Ovest.
 
Consolato Generale a Vancouver
Standard Building - 1100-510 West Hastings Street
VANCOUVER, B.C. - V6B 1L8
Tel. +1 604 684-7288; Fax. +1 604 685-4263
email: consolato.vancouver@esteri.it
www.consvancouver.esteri.it
Circoscrizione: la provincia della British Columbia, il Territorio dello Yukon, le province dell'Alberta e del Saskatchewan. 
Sportello Consolare d’Italia ad Edmonton
2592 Commerce Place 10155 - 102 street Edmonton, Alberta T5J 4G8 Canada
Tel: + 1 780 423 5153; Fax: + 1 780 423 5214
email: edmonton.vancouver@esteri.it
 
ICE-Agenzia per la promozione all'estero e l'internazionalizzazione delle imprese italiane
 
Istituto Nazionale per il Commercio Estero - Toronto
365 Bloor Street East, Suite 1802
M4W 3L4 TORONTO, ONTARIO
Tel: (001416) 5981555 / 5981566 - Fax: (001416) 5981610
email: toronto@ice.it
http://www.ice.gov.it/paesi/america/canada/ufficio.htm
 
Istituto Nazionale per il Commercio Estero - Montréal
1000, Rue Sherbrooke Ouest, Bureau 910
H3A 3G4 MONTREAL, QUEBEC
Tel: (001514) 2840265 - Fax: (001514) 2840362
e-mail: montreal@ice.it
http://www.ice.gov.it/paesi/america/canada/ufficio2.htm
 
ENIT – Ente Nazionale Turismo Italiano 
Ente Nazionale Italiano per il Turismo
110 Yonge Street, Suite 503 - Toronto (Ontario) M5C 1T4
Tel: +1 416 925-4882; Fax: +1 416 925-4799
e-mail: toronto@enit.it
www.italiantourism.com
 
CAMERE DI COMMERCIO
 
Camera Italiana in Canada - Ovest (ICCC): http://www.iccbc.com/
Vancouver: e-mail: iccbc@iccbc.com
Suite 405-889 West Pender St.- Vancouver, BC V6C 3B2
Tel +1.604.682.1410; Fax +1.604.682.2997
Calgary: e-mail: calgary@iccbc.com
9 – 3927 Edmonton Trail NE.- Calgary, AB T2E 6T1
Tel +1.403.283.0453; Fax +1.403.283.0484
Milano: e-mail: giorgio@iccbc.com 
Viale Segantini, 22 - 20143, Milano
Tel. +39.389.4792761
 
Camera Italiana in Canada – Montréal: http://www.italchamber.qc.ca/
550, rue Sherbrooke Ouest - Bureau 1150 - Montréal (Québec) H3A 1B9 - CANADA
Tel. +1 514 844.4249: Fax : +1 514 844-4875
e-mail: info.montreal@italchamber.qc.ca
http://www.italchamber.qc.ca/
 
Camera Italiana dell'Ontario: http://www.italchambers.ca/
Toronto
622 College Street, Suite 201 F - Toronto, Ontario M6G 1B6
Tel.+1 416-789-7169; Fax: +1 416-789-7160
Milano
Galleria del Corso, 2 (MM Duomo), 20121 Milano
Tel. +39 02 36 57 16 96 (office)

Camera di Commercio del Canada: http://www.chamber.ca/ 
Ottawa (sede sociale) : email : certification@chamber.ca
360, rue Albert, bureau 420 - Ottawa (Ontario) K1R 7X7
Tel. +1 613.238.4000; Fax +1 613.238.7643
Toronto : email : carnettoronto@chamber.ca
55, avenue University, bureau 901 - Toronto (Ontario) M5J 2T3
Tel. : 416.868.6415; Fax : 416.868.0189 
Montreal: email : carnetmontreal@chamber.ca
999, boul. De Maisonneuve Ouest, Bureau 560 Montréal (Québec) H3A 3L4
Tel. : 514.866.4334; Fax: 514.866.7296
   
MINISTERI
 
Governo del Canada: http://canada.gc.ca/home.html
Ministero affari esteri, commercio e sviluppo: http://www.international.gc.ca/
Ministero lavori pubblici e servizi: http://www.tpsgc-pwgsc.gc.ca/
Ministero del Tesoro: http://www.tbs-sct.gc.ca/
Ministero dell’Industria: http://www.ic.gc.ca/
Ministero delle Finanze: http://www.fin.gc.ca/
Ministero delle Infrastrutture : http://www.infrastructure.gc.ca/index-fra.html
Ministero dell’Agricoltura & agrifood: http://www.agr.gc.ca/eng
Ministero dell’Ambiente http://www.ec.gc.ca/?lang=En
Ministero della pesca & oceani: http://www.dfo-mpo.gc.ca/index-eng.htm
Ministero dei Trasporti: https://www.tc.gc.ca/eng/minister-menu.htm
Ministero delle Risorse naturali: http://www.nrcan.gc.ca/media-room/minister/1905
 
ISTITUTI, ENTI, AGENZIE NAZIONALI
 
Info Industry Canada: http://www.ic.gc.ca/eic/site/icgc.nsf/fra/h_07063.html 
Associazione industria del turismo :  www.tiac.travel
Destination Canada: http://en.destinationcanada.com/
Manufacturiers et exportateurs du Québec (MEQ): http://qc.cme-mec.ca/ 
Agenzia delle entrate: http://www.cra-arc.gc.ca/menu-eng.html
Agenzia delle Dogane: http://www.cbsa-asfc.gc.ca/menu-eng.html
Invest in Canada: http://investincanada.gc.ca/
Normazione e Certificazione: http://www.scc.ca/
Ufficio Nazionale di Statistica: http://www.statcan.gc.ca/
 
ORGANISMI INTERNAZIONALI
 
Delegazione dell’Unione Europea: http://eeas.europa.eu/delegations/canada/index_en.htm
 
PRINCIPALI ISTITUTI BANCARI
 
Banca del Canada: http://www.bank-banque-canada.ca/
Canadian Imperial Bank of Commerce– CBC: https://www.cibc.com/ca/personal.html
National Bank : http://www.nbc.ca/
Canadian Western Bank: http://www.cwbank.com/
BDC: http://www.bdc.ca/en/Pages/home.aspx
Royal Bank: http://www.rbcroyalbank.com/personal.html
Associazione bancaria canadese: www.cba.ca/
Fiduciary Trust Company International: http://www.fiduciarytrust.com/
 

 


 

(1) I Certificati fitosanitari di esportazione, sono rilasciati dal servizio fitosanitario delle Regioni di appartenenza.
L'organo competente è il Servizio Fitosanitario Nazionale, costituito dal Servizio Fitosanitario Centrale presso il Ministero Agricoltura e dai Servizi Fitosanitari Regionali (SFR) presso le Regioni.
Il Servizio Fitosanitario Centrale ha compiti di coordinamento, mentre ad operare sul territorio sono i SFR.
Il personale abilitato all'attuazione della normativa fitosanitaria possiede la qualifica di 'Ispettore Fitosanitario' ed è munito di apposita tessera di riconoscimento.
 
(2) I certificati sanitari per i prodotti animali vari (ittici, molluschi ecc.) e derivati animali come latticini formaggi ecc. I certificati vengono rilasciati dal servizio veterinario delle ASL di appartenenza.
Per ulteriori informazioni consultare il sito Ministero della salute.