URUGUAY




Fonte dati ISTAT, Ateco 2007

Import 2017 € 543.941.054,00
Import 2016 € 433.315.604,00
Import 2015 € 550.890.196,00
Export 2017 € 394.559.728,00
Export 2016 € 437.273.458,00
Export 2015 € 450.216.530,00
Codice Paese: (524), UY (1)
Capitale: Montevideo
Città principali: Salto, Ciudad de la Costa
Superficie: (km²): 176.215
Popolazione: 3.300.000
PIL: 49.06 $
PIL/pro-capite: 7497.37$
Religioni: in prevalenza cattolica, con minoranze protestanti ed ebree.
Lingue ufficiali: spagnolo
Moneta: peso uruguayano, UYU
Fuso orario: 3 ore indietro rispetto al Meridiano di Greenwich: 4 ore indietro rispetto all’Italia
 

L’Uruguay è, con l`Argentina, il Brasile e il Paraguay, membro fondatore del Mercato comune del Sud (MERCOSUR), creato nel marzo 1991, con cui l’Unione Europea negozia da diversi anni un accordo di libero scambio.

L’Uruguay è membro fondatore dell`Associazione latino-americana di integrazione (ALADI) dal 1980 e del WTO dal 1995.
 
Alcuni prodotti sono oggetto di proibizione o di limitazione all’importazione, principalmente per motivi sanitari e fitosanitari: l'embargo sulla carne bovina a causa di encefalopatia spongiforme bovina (BSE) è ancora in vigore; divieto di prodotti a base di carne di maiale italiana con meno di 400 giorni di stagionatura a causa della malattia vescicolare dei suini e della peste suina.
I suini da cui i prosciutti sono derivati devono essere nati e cresciuti in Italia e non in un altro Stato membro dell'UE.
Le importazioni autorizzate solo sono quelle di "Prosciutto di Parma" e "San Daniele".
 
Sono presenti zone franche a Montevideo, Nueva Palmira, Florida, Colonia, Nueva Helvecia, Colonia Suiza, Libertad, Rivera, Rio Negro and San Jose. Le zone sono a gestione pubblica o privata. Le importazioni in queste zone sono esenti da dazi e tasse doganali.

 


 

DOCUMENTI DI SPEDIZIONE

Oltre alla dichiarazione in dogana (DAU in versione dematerializzata) tradizionalmente richiesta (salvo all'interno dell'Unione europea), le spedizioni con destinazione Uruguay devono essere accompagnate dai documenti di seguito riportati.
 
a) Fattura commerciale
Da presentare in due/tre esemplari, deve essere redatta in spagnolo o in alternativa in inglese o portoghese. Se presentata in una lingua diversa deve essere accompagnata da una traduzione in spagnolo. Deve contenere le informazioni generalmente richieste dalla pratica commerciale. Benché non sia espressamente richiesto che la nomenclatura doganale delle merci appaia sulla fattura commerciale, tale indicazione può facilitare lo sdoganamento.
 
b) Certificato di origine
Richiesto per alcuni prodotti come vino o prodotti della pesca o su espressa richiesta dell'importatore o delle autorità locali. Deve essere redatto sul formulario comunitario.
Le regole relative all'emissione e impiego dei certificati di origine sono illustrate Allegato XI.

c) Certificato di analisi per vini e prodotti vitivinicoli
Attesta che i prodotti sono stati sottoposti a test appropriati (microbiologico e fisico-chimico). In particolare, per i vini deve specificare, tra l'altro, il marchio, il tipo di prodotto e il numero di lotto corrispondente.
Può essere richiesto in aggiunta un certificato o un'attestazione di libera vendita.
E' consigliabile verificare con l'importatore.
    
d) Certificato fitosanitario (2)
Richiesto per frutta, verdura, sementi e altri vegetali.
 
e) Certificato sanitario (3)
Necessario per la carne e altri prodotti di origine animale (latte, uova, preparati a base di carne, ecc.).

Da notare: per le importazioni di carne e sottoprodotti di origine animale è prevista una pre-notifica, da inviare al Ministero uruguaiano del bestiame, dell'agricoltura e della pesca a cura dell'importatore. La notifica deve essere trasmessa per via elettronica, 48 ore prima dell'arrivo della spedizione.
 
f) Certificato di libera vendita
Viene richiesto principalmente per i prodotti cosmetici.
Redatto sulla base delle informazioni fornite dall`esportatore, certifica che il prodotto è conforme alla legislazione unionale ed immesso in libera vendita in Italia e/o negli altri Paesi dell'UE. Il certificato viene rilasciato da un'autorità competente nel paese di origine (4).

TRASPORTO E IMBALLAGGIO
 
a) Documenti di trasporto
I principali documenti di trasporto sono la polizza di carico marittima, la lettera di vettura aerea LTA o AWB, la lettera di vettura internazionale CMR e la lettera di vettura internazionale CIM.
 
b) Lista dei colli
Questo elenco riepiloga tutte le merci esportate e specifica i volumi, il numero di colli, casse, contenitori, nonché la quantità esatta delle merci.
È richiesta preferibilmente in spagnolo o, in alternativa, in portoghese o inglese.
 
c) Assicurazione trasporto
Non esiste un obbligo di assicurazione locale, ovvero un obbligo di assicurare, in Uruguay, il trasporto internazionale di merci.
 
d) Trattamento degli imballaggi in legno
Gli imballaggi in legno devono essere trattati e marchiati secondo la normativa ISPM-15 FAO.

AMMISSIONE TEMPORANEA

Il paese non aderisce alla convenzione ATA. Le importazioni temporanee sono effettuate secondo la normativa di diritto comune. 
 
VISTI
 
a) Passaporto: Necessario. Per le eventuali modifiche relative a tale norma, si consiglia di informarsi preventivamente presso l’Ambasciata o il Consolato del Paese presente in Italia o presso il proprio Agente di viaggio.
 
b) Visto d’ingresso: non richiesto per turismo, fino a 90 giorni di permanenza nel Paese.
 
c) Visto d’affari
I cittadini italiani che desiderano recarsi in Uruguay per affari non hanno bisogno di richiedere un visto prima della partenza. Al loro arrivo nel paese riceveranno un permesso per soggiornare in Uruguay per 90 giorni.
 




AMBASCIATE E CONSOLATI
 
Ambasciata dell’Uruguay e Sezione Consolare
http://www.ambasciatauruguay.it/
Ambasciata d’Italia a Montevideo
www.ambmontevideo.esteri.it
Consolato d'Italia Montevideo
www.consmontevideo.esteri.it
Instituto Italiano de Cultura de Montevideo
http://www.iicmontevideo.esteri.it/IIC_Montevideo
ICE-Agenzia per la promozione all'estero e l'internazionalizzazione delle imprese italiane
http://www.ice.it/paesi/america/uruguay/index.htm
Per assistenza e informazioni rivolgervi all'Ufficio ICE di Buenos Aires
http://www.ice.it/paesi/america/argentina/ufficio.htm
     
CAMERE DI COMMERCIO E ASSOCIAZIONI DI CATEGORIA
 
www.camitur.com.uy
Camara de Industrias del Uruguay
http://www.ciu.com.uy
Camara Nacional de Comercio y Servicios del Uruguay
http://www.cncs.com.uy/
Camara Mercantil de Productos del País
http://www.camaramercantil.com.uy/
Unión de Exportadores del Uruguay
http://www.uruguayexporta.com
LATU (Laboratorio Tecnologico del Uruguay)
http://www.latu.org.uy/
Asociacion Rural del Uruguay
http://www.aru.com.uy/
 
MINISTERI
 
Presidenza della Repubblica
http://www.presidencia.gub.uy/
Ministerio de Relaciones Exteriores
http://www.mrree.gub.uy/
Ministerio de Economía y Finanzas
http://www.mef.gub.uy
Direzione generale delle imposte (Ministero delle Finanze)
http://www.dgi.gub.uy/
Ministerio de Ganadería, Agricultura y Pesca
http://www.mgap.gub.uy
Ministerio de Industria, Energía y Minería
http://www.miem.gub.uy/
Ministro de Transporte y Obras Públicas
http://www.mtop.gub.uy/
Ministerio de Turismo y Deporte
http://www.mintur.gub.uy/
Ministerio de Desarrollo Social, Unidad de Información y Comunicación
http://www.mides.gub.uy/
 
ISTITUTI, ENTI, AGENZIE NAZIONALI

Uruguay XXI (Istituto di promozione degli investimenti e delle esportazioni)
http://www.uruguayxxi.gub.uy/
Direzione Generale delle Dogane
http://www.aduanas.gub.uy/
UTE (ente pubblico dell’energia elettrica)
http://www.ute.com.uy/index.html
ANTEL (ente pubblico delle telecomunicazioni)
http://www.antel.com.uy/antel/
OSE (ente pubblico delle acque e rete fognaria)
http://www.ose.com.uy/
ANCAP (Amministrazione nazionale dei combustibili)
http://www.ancap.com.uy/
Corporación Nacional para el Desarrollo
http://www.cnd.org.uy/
Istituto Nazionale di Statistica
http://www.ine.gub.uy/
Normazione e Standardizzazione
http://www.unit.org.uy/
   
ORGANISMI INTERNAZIONALI

Delegazione dell’Unione europea in Uruguay
http://eeas.europa.eu/delegations/uruguay/index_es.htm
Nazioni Unite (Programma di sviluppo per l’Uruguay)
http://www.undp.org.uy/
Unesco in Uruguay
http://www.unesco.org.uy/
Fao in Uruguay
http://www.fao.org/countries/55528/en/ury/
Banca Mondiale in Uruguay
http://web.worldbank.org/
Banca-Interamericana di Sviluppo (IADB)
http://www.iadb.org/en/countries/uruguay/uruguay-and-the-idb,1028.html
Associazione Latino-Americana di Integrazione - ALADI
http://www.aladi.org/
Istituto Italo-Latino Americano (IILA)
http://www.iila.org
 
PRINCIPALI ISTITUTI BANCARI
 
Banco Central del Uruguay
http://www.bcu.gub.uy
Banco de la República Oriental del Uruguay
http://www.brou.com.uy/web/guest/home
Citibank
http://www.citibank.com/
Banco Itaú
http://www.bancoitau.com.uy/
Nuevo Banco Comercial del Uruguay
www.nbc.com.uy
Banco Santander
http://www.santander.com.uy/
Banco BBVA Uruguay
https://www.bbva.com.uy
Banco HSBC Uruguay
http://www.hsbc.com.uy/
 

 


 

(1) Codificazione ISO-alfa per i paesi e per le monete:
La versione della nomenclatura di paesi e territori per le statistiche del commercio estero della UE e del commercio tra i suoi Stati membri valida a decorrere dal 1 giugno 2005 è allegata al regolamento (CE) n.750/2005 della Commissione, del 18 maggio 2005 (GUUE L 156, del 19 maggio 2005, p.12
 
Le due codificazioni sono utilizzate per la compilazione delle dichiarazione in dogana (DAU) e delle dichiarazioni di scambio di beni.
 
(2) I certificati fitosanitari, sono rilasciati dal servizio fitosanitario delle Regioni di appartenenza (su richiesta dell’interessato 10 giorni prima della partenza del prodotto).
 
(3) I certificati sanitari per le carni sono rilasciati dalle ASL di appartenenza -Servizio veterinario.
 
(4) L`attestato di libera vendita va richiesto alle Camere di commercio di competenza (Allegato XV).