POLONIA


Fonte dati ISTAT, Ateco 2007

Import 2017 € 17.171.051.470,00
Import 2016 € 17.581.564.814,00
Import 2015 € 19.703.321.178,00
Export 2017 € 21.801.000.744,00
Export 2016 € 22.479.183.404,00
Export 2015 € 25.183.044.894,00
polacco, inglese e russo
zloty, (PLN)
(060), PL (1)
1 ora avanti rispetto all'orario del Meridiano di Greenwich; stesso orario del Meridiano rispetto all'Italia
Nel periodo transitorio di adeguamento alle disposizioni comunitarie, rimane la precedente scheda relativa al paese.

Si suggerisce altresi' di informarsi sempre presso il proprio importatore.


A partire dal 1° maggio 2004, gli accordi di associazione che sostengono le relazioni commerciali tra l'UE ed i nuovi membri sono decadute e gli scambi con i nuovi membri divengono scambi intracomumnitari scomparsa dell'EUR.1 e della dichiarazione in dogana, soppressione dei diritti doganali e altri diritti assimilati, applicazione dell'IVA nei paesi di consumo dei prodottti, sostituzione della dichiarazione in dogana, dalla dichiarazione di scambio dei beni).
E' importante notare che i regimi economici e sospensivi messi in pratica prima del 1° maggio 2004 devono essere liquidati anche se terminano dopo questa data (come nel caso dell'imposta doganale, dei regimi di perfezionamento attivo e passivo, delle ammissioni temporanee ecc.)
I paesi dell'Unione europea ammettono, in assenza dei diritti doganali e senza formalita' doganali, l'entrata sul loro territorio di merci che abbiano carattere comunitario. Hanno questo carattere le merci:
- originarie degli Stati dell'Unione europea,
- in libera pratica nell'Unione europea.


Documenti di spedizione
Le spedizioni destinate alla Polonia devono essere accompagnate dai seguenti documenti.

Per ulteriori informazioni consultare il sito: www.agenziadogane.it/.
Fattura commerciale
Usuale. Deve essere molto dettagliata con l'indicazione delle condizioni di vendita.
Le dogane polacche esigono una fattura originale con timbro dell'impresa.
 
Certificato d`origine
Obbligatorio per alcuni prodotti non originari dell'Unione europea.
Certificato fitosanitario
Per la frutta, la verdura, le sementi.(5)
 
Certificato sanitario
Per i prodotti di origine animale.(6)
 
Certificato o attestato di libera vendita dei cosmetici
Redatto sulla base delle informazioni fornite dall'esportatore, attesta che i prodotti forniti sono conformi alla legislazione italiana e in libera e corrente vendita in Italia. (7)

Trattamento degli imballaggi in legno
Non necessario.

Carnet ATA
E' possibile esportare temporaneamente con destinazione Polonia secondo le procedure ATA.
La procedura permette l'ammissione temporanea:
-di merci destinate ad essere presentate alle fiere, esposizioni e manifestazioni simili;
-di materiale professionale;
-di campioni commerciali;
-di merci in transito;
-di spedizioni postali.(8)

Assicurazione trasporto
Non necessaria.

Visto d’affari sul passaporto
Non necessario.

Ministero Affari Esteri
Indirizzo piazzale della Farnesina 1
00194 - Roma
Telefono +390636911
Web www.esteri.it

Ambasciata della Polonia
Indirizzo Via Pietro Paolo Rubens, 20
00197 - Roma
Ufficio Ufficio Consolare
Telefono 06.36204200
06.3217895
Telefono 1 Ufficio Consolare Via di San Valentino 1
06.36204302 fax 06.80693217
Fax 06-3217895
Email konsul@infopolonia.it
Web www.rzym.polemb.net
Note Orario di apertura: lun- ven (giovedi' escluso) ore: 9.00 – 11.00, giovedi' ore 14.00 – 16.00

Ambasciata della Polonia
Indirizzo Via Olona, 2
00198 - Roma
Ufficio Ufficio commerciale
Telefono 06-8541128 / 8548189 / 8557555
Telefono 1 06-8840273
Fax 06.8553391
Email info@infopolonia.it
Web http://www.roma.trade.gov.pl
Note Orario apertura: 8.00 – 16.00 per appuntamento

Consolato Generale Milano
Indirizzo Corso Vercelli, 56
20145 - Milano
Telefono 02-48018978 / 48019312
Fax 02-48020345
Email mediolan.kg.sekretariat@msz.gov.pl
Web http://www.milano.polemb.net/
Note Orario di apertura: lun/ ven ore: 9.00 – 12.00; il primo venerdi' del mese gli uffici sono chiusi.

Ambasciata d'Italia a Varsavia
Indirizzo Plac Dobrowskiego, 6
00055 - Varsavia
Ufficio Ufficio commerciale
Telefono (0048 22) 8263471-2-3
Fax (0048 22) 8278507
Email ambasciata.varsavia@esteri.it
Email 1 consolare.varsavia@esteri.it

I.C.E.
Indirizzo Al. Jerozolimskie, 11/19
00-508 - Varsavia
Ufficio Wlosky Instytut Handlu Zagranicznego
Telefono (0048 22) 6221394-6
Fax (0048 22) 6221343
Email icevar@mediante.com.pl
Web http://www.medianet.com.pl/~icevar

Camera di Commercio Italo-Polacca in Italia
Indirizzo Via Sardegna, 39
20146 - Milano
Telefono 02.58303733
1 Codificazione iso-alfa per i paesi e per le monete:
- una codificazione iso-alfa su due caratteri per i paesi e territori;
- una codificazione iso-alfa su tre caratteri per le monete.
La versione della nomenclatura di paesi e territori per le statistiche del commercio estero della UE e del commercio tra i suoi Stati membri valida a decorrere dal 1 giugno 2005 e' allegata al regolamento (CE) n.750/2005 della Commissione, del 18 maggio 2005 (GUUE L 156, del 19 maggio 2005, p.12

Le due codificazioni sono utilizzate per la compilazione delle dichiarazione in dogana (DAU) e delle dichiarazioni di scambio di beni.
2 Se la dichiarazione sulla fattura e' fatta da un esportatore accreditato, il suo numero di autorizzazione deve essere menzionato qui. Se la dichiarazione sulla fattura non viene fatta da un esportatore accreditato, la menzione tra parentesi e' omessa o lo spazio lasciato in bianco..
3 Indicare l'origine dei prodotti (...)
4 Queste indicazioni sono facoltative se le informazioni figurano nei documenti.
5 I certificati fitosanitari vengono rilasciati dal servizio fitosanitario delle Regioni di appartenenza (su richiesta dell'interessato circa 10 giorni prima della partenza del prodotto.
6 Il certificato viene rilasciato dal Servizio veterinario delle ASL di appartenenza.
7 Per i prodotti cosmetici puo' essere richiesto sia il certificato di libera vendita, sia l'attestato di libera vendita. Il certificato di libera vendita va richiesto al Ministero della Sanita' (la richiesta va fatta alla sede centrale di Roma, c.a 30 giorni prima della spedizione delle merci e per conoscenza all'assessorato della sanita' locale - sito web: www.sanita.it). L'attestato di libera vendita va richiesto alle Camere di commercio di competenza (Allegato XV – fac-simile attestato).
8 I carnet ATA sono rilasciati dalle Camere di commercio.
9 Sommario contenuto icona "Allegato EUR1.":
- illustrazione formulari EUR1, EUR2,
- istruzioni per la compilazione,
- formulari EUR1, EUR2,
- lista paesi di utilizzo,
- elenco Paesi ACP e Territori d'Oltre Mare.