Congo (Brazzaville) - documenti export

 

 

DOCUMENTI DI SPEDIZIONE

Oltre alla dichiarazione in dogana (DAU o suo equivalente) usualmente richiesta per le spedizioni, (salvo all'interno dell'Unione europea) le spedizioni a destinazione del Congo Brazzaville devono essere accompagnate dai documenti di seguito citati.
 
Per ulteriori informazioni consultare il sito Agenzia delle Dogane e dei Monopoli:

a) Fattura commerciale
Deve essere redatta in almeno in tre esemplari e deve contenere i riferimenti abituali.
Può essere redatta in francese.
   
b) Documento EUR.1
Anche se il Congo non ha un regime doganale preferenziale ai prodotti originari dell’Unione europea (UE), i servizi doganali possono richiedere un documento EUR.1 al momento dell`importazione di questi prodotti ed, in particolare, quando questi sono incorporati nella fabbricazione di un prodotto locale e riesportati verso l’UE.

Le spedizioni di valore inferiore a 6.000 Euro, o effettuate da un esportatore accreditato, possono dar luogo alla presentazione di una dichiarazione (come per l’EUR.1, quando queste sono incorporate nella fabbricazione di un prodotto locale e riesportate verso l’UE).

La dichiarazione dovrà essere redatta su una fattura, un buono di consegna o altro documento commerciale che descriva i prodotti in modo sufficientemente dettagliato per essere identificati.

La dichiarazione è la seguente:
"L'esportatore dei prodotti coperti dal presente documento (autorizzazione doganale n°...)* dichiara che, salvo indicazione chiara del contrario, i suddetti prodotti hanno origine preferenziale**.
.....Luogo e data
.....Firma dell`esportatore e indicazione, per esteso, del nome del firmatario."
 
*Se la dichiarazione su fattura è fatta da un esportatore accreditato, in questo punto deve essere riportato il numero di autorizzazione.
In caso contrario, la dicitura tra parenesi deve essere omessa o lo spazio lasciato in bianco.
**L'origine dei prodotti deve essere riportata nello spazio tra le parentesi (...). Queste informazioni sono facoltative se sono riportate all'interno del documento.
 
Le condizioni relative all’emissione e all’utilizzazione di questi formulari sono precisati nell’Allegato X.
 
c) Certificato di origine
Su richiesta dell’importatore. Il certificato dovrà essere stabilito sul formulario comunitario.

Le regole relative all’emissione e all’utilizzazione dei certificati di origine sono precisate nell’Allegato XI.
 
d) Certificato fitosanitario (1) 
Per la frutta, i legumi, le sementi ed altri vegetali.
 
e) Certificato sanitario per le carni (2) 
Per la carne e sottoprodotti di origine animale (latte, uova, preparazione di carni, ecc..).

f) Certificato o attestato di libera vendita dei cosmetici
Non richiesto.
 
ISPEZIONE DELLE MERCI

Dal 1 maggio 2015 le spedizioni in Congo Brazzaville non sono più soggette a controlli tradizionali prima dell'imbarco ma a un semplice controllo documentale da effettuare, preferibilmente, prima della spedizione della merce.
Questo controllo, effettuato da società incaricate dalle autorità congoles, isi applica a tutte le spedizioni con un valore FOB uguale o superiore a 1 milione di franchi CFA.

TRASPORTO E IMBALLAGGIO
 
a) Documento di trasporto
I principali documenti di trasporto sono: la polizza di carico, la lettera di vettura aerea Air Waybill (AWB), la lettera di vettura internazionale CMR (Convention des Merchandises par Route).
 
b) Lista dei colli
Questa lista riassume tutte le merci esportate e ne precisa il volume, il numero dei colli, le casse, i contenitori e la quantità esatta delle merci.
 
c) Distinta di carico elettronica
Il documento è disponibile sul sito web del Conseil congolais des chargeurs. Si sottolinea che è necessario riportare il numero del visa unico (NVU) dell’ufficio sul documento di trasporto (BL).
 
d) Assicurazione trasporto
Le spedizioni a destinazione del Congo Brazzaville devono essere assicurate localmente.
 
e) Trattamento degli imballaggi in legno
Sebbene l'attuale legislazione della Repubblica del Congo – Brazzaville non esiga il trattamento degli imballaggi in legno secondo la norma norme ISPM-15 FAO, si raccomanda il trattamento degli imballaggi secondo la nuova normativa internazionale.
Per ulteriori informazioni consultare il sito: https://www.ippc.int/countries/congo

SPEDIZIONE TEMPORANEA

Il Paese non aderisce alla Convenzione ATA. L'importazione avviene secondo le norme di diritto comune.
 
PASSAPORTI E VISTI

Passaporto: necessario, con validità residua di almeno sei mesi al momento della partenza. Per le eventuali modifiche a tale norma si consiglia di informarsi preventivamente presso l’Ambasciata del Paese in Italia o presso il proprio Agente di viaggio.

Visto di ingresso: obbligatorio, da richiedere presso le Rappresentanze diplomatico-consolari della Repubblica del Congo in Roma. Unitamente al visto d’ingresso occorre essere in possesso di:
  • Titolo di viaggio andata e ritorno (o circolare)
  • Certificato di alloggio sottoscritto da un eventuale invitante residente in Congo, vidimato presso il Comune congolese dell'invitante e vistato dalle Autorità di Immigrazione congolesi, o, - in alternativa- di una prenotazione alberghiera o di un contratto di lavoro vidimato dal Ministero del lavoro congolese (nell'ipotesi che ci si rechi in Congo per ragioni di lavoro).