Montenegro - documenti export



DOCUMENTI DI SPEDIZIONE
 
Oltre alla dichiarazione in dogana (DAU o suo equivalente) usualmente richiesta per le spedizioni, (salvo all'interno dell'Unione europea) le spedizioni a destinazione del Montenegro devono essere accompagnate dai documenti di seguito citati.
 
Per ulteriori informazioni consultare il sito Agenzia delle Dogane e dei Monopoli:

a) Fattura commerciale
Redatta in tre esemplari deve contenere i riferimenti abituali, deve indicare l’origine dei prodotti e può essere redatta in inglese.
 
b) Certificato di origine
Quando richiesto dall’importatore, deve essere stabilito sul formulario comunitario.
Le regole relative all`emissione e all`impiego dei certificati di origine sono precisati nell’Allegato XI.
 
c) Documenti EUR.1
Per consentire ai destinatari delle merci di beneficiare del trattamento preferenziale applicabile ai prodotti originari dell'Unione europea, è necessario presentare un certificato EUR.1 che fungerà da prova dell'origine.
 
Le spedizioni inferiori a EUR 6.000 o effettuate da un esportatore autorizzato danno luogo a una dichiarazione. Questo deve essere stabilito su una fattura, una bolla di consegna o qualsiasi altro documento commerciale che descriva i prodotti interessati in modo sufficientemente dettagliato per poterli identificare.
 
La dichiarazione è la seguente:
"L'esportatore dei prodotti oggetto del presente documento (autorizzazione doganale n. ...)
* dichiara che, salvo indicazione contraria, tali prodotti sono di origine preferenziale ......."**.
"............................." ***.
[Luogo e data]
".............................".
[Firma dell'esportatore e indicazione, per esteso, del nome del firmatario].

*Se la dichiarazione su fattura è compilata da un esportatore autorizzato, il numero di autorizzazione dell'esportatore deve essere inserito qui. Se la dichiarazione su fattura non è presentata da un esportatore autorizzato, la dicitura tra parentesi viene omessa o lo spazio fornito viene lasciato vuoto.
**L'origine dei prodotti deve essere indicata (...).
***Queste indicazioni sono opzionali se l'informazione appare nel documento stesso.
 
Le regole relative all`emissione e impiego di questi documenti sono precisate nell’Allegato X
 
d) Certificato fitosanitario (1) 
Richiesto per la frutta, i legumi, le sementi e altri vegetali.
 
e) Certificato sanitario (2) 
Per la carni e sottoprodotti di origine animale (latte, uova, preparazione di carni, ecc.
 
f) Certificato o attestato di libera vendita dei cosmetici (3) 
Redatto sulla base delle informazioni rilasciate dall’esportatore, attesta che i prodotti sono conformi al Regolamento (CE)1223/2009 e quindi alla legislazione italiana ed in libera vendita sul territorio nazionale, così come i tutti i paesi dell’Unione europea.
Oltre alla approvazione da parte di enti accreditati il certificato deve essere vistato dalla Camera di Commercio e Industria e dal Consolato.
 
Da sapere: Il Montenegro ha aderito alla Convenzione dell'Aia del 5 ottobre 1961. (4) 
   
TRASPORTO, IMBALLAGGIO, ETICHETTATURA

a) Documenti di trasporto
I principali documenti di trasporto sono: la polizza di carico, la lettera di vettura aerea Air Waybill (AWB), la lettera di vettura internazionale CMR (Convention des Merchandises par Route).

b) Lista dei colli
Questa lista riassume tutte le merci esportate e ne precisa il volume, il numero dei colli, le casse, i contenitori e la quantità esatta delle merci.

c) Assicurazione trasporto
Non vi è alcun obbligo di assicurazione locale, vale a dire l'obbligo di garantire, in Montenegro, il trasporto internazionale di merci.
 
d) Trattamento degli imballaggi in legno
Sebbene l’attuale legislazione non esiga il trattamento degli imballaggi in legno secondo la norma ISPM-15 FAO, è raccomandato trattare gli imballaggi secondo la normativa internazionale.
Per ulteriori informazioni consultare il sito: https://www.ippc.int/countries/montenegro
 
e) Etichettatura
Esistono requisiti di etichettatura che variano in base al prodotto. Tutti i beni di consumo devono riportare il nome del paese di origine. I prodotti alimentari devono specificare la marca del prodotto, i dettagli di contatto del produttore, la data di scadenza del prodotto, ecc.

IMPORTAZIONE TEMPORANEA

Carnet ATA
E' possibile esportare temporaneamente in Montenegro nell'ambito della procedura del carnet ATA che permette l'ammissione temporanea per:
  • fiere e mostre
  • materiale professionale
  • campioni commerciali
  • convenzione di Istanbul relativamente agli allegati B1 (mostre e fiere), B2 (materiale professionale), B3 (contenitori e imballaggi), B4 (materiale importato nell'ambito di una operazione di produzione), B6 (effetti personali e materiale sportivo), B7 (materiale di propaganda turistica), B9 (materiale per scopi umanitari), C (mezzi di trasporto) e D (animali) 

Per informazioni di base sul Carnet ATA consultare la relativa pagina web di questo sito.

Per conoscere nel dettaglio le condizioni di utilizzo del documento in Montenegro verificare la scheda informativa al link seguente >>>.

 
PASSAPORTO E VISTI

Passaporto o Carta d’identità valida per l’espatrio
I cittadini dei Paesi dell'Unione Europea possono entrare in Montenegro con la sola “carta d’identità” valida per l’espatrio e in buono stato per soggiorni fino a 30 giorni, in alternativa, con il “passaporto”, per soggiorni fino a 90 giorni, per turismo.
Nessun altro documento di riconoscimento o di identità, comunque denominato, è valido per l’ingresso in Montenegro.
Per eventuali modifiche relative alla validità residua del passaporto, si consiglia di informarsi preventivamente presso l’Ambasciata o il Consolato del Paese presente in Italia o presso il proprio Agente di viaggio.
Qualora in possesso di una carta d’identità valida per l’espatrio rinnovata, si prenda visione dell’Approfondimento “Prima di partire – documenti per viaggi all’estero” sulla home page di questo sito.
Per soggiorni turistici oltre i 3 giorni fino ad un massimo di 90 giorni, è necessario registrarsi attraverso la compilazione di formulari disponibili presso le organizzazioni turistiche presenti nelle maggiori città montenegrine. La lista completa dei contatti delle organizzazioni è presente sul sito http://www.visit-montenegro.com/tourism/local-tourist-organisations/.
La registrazione può essere effettuata anche presso gli Uffici di Polizia presenti nel Paese.

Avvertenze
Se si alloggia in un albergo o in un campeggio, la registrazione presso la Polizia avviene a cura della struttura di accoglienza. Si informa che le strutture alberghiere usano trattenere il documento per l’intera durata del soggiorno. Se si alloggia privatamente, è obbligo del viaggiatore registrarsi presso il locale ufficio di Polizia, entro 48 ore dall’arrivo.

Visto d’ingresso: non necessario